Mercoledì, 10 Novembre 2021 16:55

Synchrony, il riferimento di PSB

I due Synchrony arrivano al vertice della produzione PSB: costruzione e prestazioni da fuoriclasse

Ci sono dei nomi, delle sigle, che in ogni settore commerciale sono il simbolo stesso dell'azienda produttrice. Per PSB questo è Synchrony, una linea di diffusori che si ripete generazione dopo generazione e rappresentano la combinazione di tecnologie di riferimento con dimensioni e costi ancora alla portata di tanti. Diffusori che, come il resto della produzione PSB, porta ancora la firma di Paul Barton, quello che è stato il fondatore dell'azienda mezzo secolo fa e che ancora oggi definisce, supervisiona, raffina ogni singolo modello. 

 

A suo fianco da sempre il National Research Centre in Ottawa e il Canadian National Research Council (agenzia governativa che conduce ricerche scientifiche e sviluppo in campo tecnologico). Strutture che mettono a disposizione di Burton le attrezzature per l'analisi e la misurazione dei driver e di tutti gli elementi ulteriori che compongono un diffusore. Inoltre l'ingresso di PSB nel Gruppo Lenbrook, in compagnia di NAD e Bluesound, ha ulteriormente ampliato il know-how tecnologico e portato nuove risorse per lo sviluppo di ulteriori prodotti. Una sintonia perfetta: da una parte le idee e le intuizioni di un riferimento dell'elettroacustica moderna, dall'altra gli strumenti scientifici e i mezzi di analisi di importanti laboratori e le risorse di un grande gruppo industriale specializzato nell'audio.

 

 

Sintonia tra tutti questi elementi e quindi Synchrony e quindi la splendida coppia di diffusori che portano questo nome per la generazione 2021.

 

 

In Synchrony due soli modelli che riescono a coprire una grande fetta delle esigenze di buona musica in casa: un più compatto bookshelf, un più sostanzioso tower a tre vie e cinque altoparlanti. In comune i due speaker hanno molto: come la struttura degli altoparlanti, del telaio e la tipologia del crossover. 

Synchrony T600 con 3 woofer da 165 mm, midrange da 133 mm e tweeter da 25 mm. Per Synchrony B600 woofer da 165 mm e tweeter da 25 mm. I woofer dei due modelli e il midrange del T600 hanno il cestello in alluminio, cono in fibre di carbonio intrecciate e sospensione in gomma; il tweeter ha la cupola in titanio, magnete in neodimio e ferrofluido. Tutti questi altoparlanti sono di nuova generazione, con forte attenzione alla riduzione della distorsione non lineare e di conseguenza avere un maggiore pressione sonora indistorta. Il vantaggio all'ascolto di tutto ciò è la gamma media più presente e pulita, gamma bassa profonda e senza code. 

 

 

Il box dei Synchrony sono in MDF di elevato spessore, ulteriormente irrobustito dal pannello di copertura del frontale in alluminio. Ogni woofer ha la sua camera di lavoro separata con un proprio condotto reflex sul pannello posteriore. In dotazione ai Synchrony il crossover passivo più avanzato mai realizzato in PSB: allineamento Linkwitz-Riley del quarto ordine, condensatori polyfilm, cablaggio oxygen-free.

 

 

Parte integrante dei diffusori sono i piedini disaccoppianti specificatamente sviluppati da IsoAcoustics che assicurano un perfetto isolamento tra pavimento e diffusore, con una elevata resistenza anche alle forze laterali per cui tutto il diffusore è sempre ben stabile e allineato al centro di ascolto.

 

 

 

APPROFONDISCI PSB SYNCHRONY T600
APPROFONDISCI PSB SYNCHRONY B600

 

 

Letto 119 volte Ultima modifica il Mercoledì, 10 Novembre 2021 19:09